fbpx
NOZIONI & SCIENZA

127 parole che potresti sentire se stai cercando di rimanere incinta.

Nelle prime visite che farai o hai fatto, se stai cercando di rimanere incinta, sono tante le parole nuove che sentirai e spesso non c’è il tempo o il coraggio di chiedere il significato di ogni sigla o vocabolo. Qui abbiamo cercato di creare un dizionario della fertilità, con una terminologia semplice e volutamente non medica, che possa darti una prima indicazione delle parole e terminologie più comuni.

Acido folico: Integratore consigliato prima del concepimento e durante il primo trimestre di gravidanza per evitare il rischio di difetti del tubo neurale del futuro feto, come la spina bifida.

Acrosoma: Rivestimento della testa dello spermatozoo che contiene sostanze che  gli permettono la penetrazione nell’ovocita.

Aderenza ovarica: Le aderenze sono aree di adesione che si formano tra i tessuti e gli organi addominali, a seguito di interventi, processi infiammatori o endometriosi. I tessuti e gli organi interni normalmente hanno una superficie scivolosa, che permette loro di muoversi facilmente seguendo i movimenti del corpo, le aderenze fanno invece incollare i tessuti e gli organi tra loro.

Amenorrea: assenza del ciclo mestruale. Viene definita primaria se, dopo i 16 anni, non è mai comparso il ciclo,  secondaria quando si interrompe per diversi mesi. La regolarità del ciclo aiuta a rimanere incinta.

AMH (Ormone Antimulleriano): valore ormonale rilevato tramite esame del sangue. L’AMH è uno dei parametri utilizzati come indice di riserva ovarica, valori bassi indicano infatti un ridotto numero di follicoli ovarici. Valori molto alti sono invece spesso correlati alla sindrome dell’ovaio policistico. 

Androgeni: Ormoni maschili che tendono a stimolare lo sviluppo e il mantenimento delle caratteristiche sessuali e della funzione della riproduzione. L’androgeno più noto è il testosterone.

Andropausa: sindrome maschile che indica il calo, solitamente lento e graduale, dei livelli di testosterone e delle capacità riproduttive. Inizia attorno ai 45 anni e può non avere effetti evidenti fino ai 70 anni.

Anecogena: termine usato nelle ecografie, per definire una formazione o zona a contenuto liquido. In ambito ginecologico è spesso una ciste semplice.

Annidamento: l’annidamento inizia intorno al 5°-7° giorno dalla fecondazione e si completa intorno al 13º giorno. Consiste nella penetrazione dell’embrione nell’endometrio, con questa fase ha inizio la gravidanza.

ART: Assisted reproductive technology vedi PMA.

Aspermia: totale assenza di sperma (eiaculato).

Attecchimento: vedi Annidamento

Azoospermia: totale assenza di spermatozoi nell’eiaculato.

Beta hCG o B-hCG: La gonadotropina corionica umana (human chorionic gonadotropin) è anche detta ormone della gravidanza perchè viene prodotta dopo l’impianto dell’embrione. Il valore viene rilevato con un esame del sangue o delle urine. Se stai cercando di rimanere incinta, questo è uno dei valori da monitorare attentamente dopo una possibile avvenuta fecondazione.

Blastocele: cavità piena di liquido che si forma nell’embrione. Quando l’embrione è costituito da un centinaio di blastomeri inizia a formare – per accumulo di fluido all’interno della massa cellulare – una cavità, detta blastocele. Questa fase si conclude con la formazione della blastocisti.

Ovociti

 

Blastocisti: stadio di sviluppo dell’embrione, dopo 5-6 giorni dalla fecondazione. L’embrione a questo stadio ha circa 2-300 cellule (blastomeri).

Blastomero: cellule che si creano nell’ovulo fecondato e “compongono” l’embrione.

Cellule di leyding: Cellule deputate alla produzione di testosterone nei testicoli.

Ciclo naturale: Vedi Ciclo Spontaneo.

Ciclo ovarico: Corrisponde al ciclo mestruale, ma visto dalla prospettiva di ovocita e follicolo. Dopo ogni mestruazione, comporta l’ovulazione e il successivo sviluppo del corpo luteo. 

Ciclo spontaneo: Ovulazione avvenuta naturalmente, senza l’utilizzo di ormoni.

Ciste (ovarica): Piccola sacca piena di liquido che si può formare dentro o fuori le ovaie. Si dividono in cisti funzionali (le più comuni e innocue) e patologiche (in caso di tumore, PCOS o endometriosi).

Clomid: Medicinale utilizzato per indurre l’ovulazione in donne con cicli anovulatori e con cicli a fase luteinica insufficiente.

Corpo luteo: Residuo delle cellule del follicolo ovarico che rimane dopo l’ovulazione.

Crioconservazione: Tecnica usata per congelare gameti o embrioni e conservarli per successivi cicli.

DHEA: Ormone naturale che può essere prescritto per supplementazione orale in casi specifici di infertilità.

Dismenorrea: disturbi legati al ciclo mestruale (dolori, nausea, diarrea…).

Diagnosi preimpianto: tecniche che valutano l’assetto cromosomico o genetico di embrioni prodotti durante le procedure di Pma. Vedi anche PGT.

Difetto luteale: Il termine difetto di fase luteale viene utilizzato per descrivere una condizione che si verifica quando il corpo non produce abbastanza progesterone naturale per mantenere la normale funzione dell’endometrio e sostenere l’impianto e la crescita di una gravidanza.

EFS: Empty Follicle Syndrome vedi Follicolo Vuoto.

Embriodonazione: donazione di embrioni provenienti dalla fecondazione in vitro di un’altra coppia che, per varie ragioni, non intende utilizzare gli embrioni ma preferisce donarli ad una coppia infertile.

Embrione: Primissime fasi di sviluppo dell’ovocita fecondato, dalla fase di zigote a quella di morula, blastula e glastula. Dopo la 9-12 settimana si parla di feto e non più di embrione.

Endometrio: Rivestimento interno dell’utero che ogni mese si rinnova passando per 3 fasi: proliferativa (di preparazione all’arrivo dell’embrione), secretoria (ispessimento) e sfaldamento (in caso di mancato annidamento e quindi arrivo delle mestruazioni).

Endometriosi: Patologia femminile, che determinata la crescita di cellule endometriali fuori dall’utero. Questa anomalia determina nel corpo un’infiammazione cronica dannosa per l’apparato femminile e per la fertilità. 

Estradiolo: Vedi Estrogeni.

Estrogeni: Gli estrogeni sono uno dei due principali ormoni sessuali femminili, l’altro è il progesterone. Gli estrogeni sono responsabili delle caratteristiche fisiche e della riproduzione femminile e sono 3: Estradiolo, Estriolo, Estrone. Livelli bassi sono associati alla menopausa, livelli alti a bassa libidine, problemi mestruali, fibromi uterini. Nell’uomo livelli bassi possono portare basso appetito sessuale, mentre livelli alti si associano a difficoltà erettive.

Corpo luteo: Residuo delle cellule del follicolo ovarico che rimane dopo l’ovulazione”

 

Eterologa: Nella fecondazione eterologa, l’ovocita e/o gli spermatozoi, sono di un donatore esterno alla coppia.

Falso negativo: Situazione in cui un test di gravidanza casalingo restituisce un risultato negativo, mentre in realtà il risultato reale è positivo. Un esempio classico è dato da un test fatto troppo precocemente (il livello di hcg è ancora troppo basso per essere rilevato correttamente). 

Fase follicolare: La prima fase del ciclo, tra il primo giorno delle mestruazioni e l’ovulazione, è chiamata fase follicolare perchè è la fase di crescita dei follicoli.

Fase luteale (o luteinica): La fase luteale è il giorno tra l’ovulazione e le mestruazioni. In genere dura 14 giorni per tutte. Questo è il momento in cui un uovo fecondato si attacca all’endometrio.

Fecondazione assistita: Anche detta fecondazione artificiale, è il processo che prevede la fecondazione dell’ovocita in laboratorio.

Fecondazione eterologa: vedi Eterologa.

Fecondazione omologa: vedi Omologa.

FER: Trasferimento di embrioni crioconservati, FER (Frozen Embryo Replacement).

FIVET: Fecondazione in vitro con trasferimento di embrione, utilizzata in caso di infertilità appurata. Tecnica di II livello in cui il concepimento avviene in laboratorio, tramite il contatto tra un ovulo e un campione di liquido seminale (non selezionato). 

FO: Trasferimento di embrioni ottenuti da ovociti crioconservati (Frozen Oocyte).

Follicolo: E’ la piccola sacca dentro cui matura l’ovulo, all’interno delle ovaie. Ogni mese un solo follicolo matura (follicolo dominante o di Graaf), aumentando le dimensioni fino a rompersi per liberare l’ovulo (ovulazione). 

Follicolo antrale: Un follicolo antrale è una piccola sacca pieno di liquido che contiene un ovocita immaturo. I follicoli possono essere misurati e contati nei giorni di ciclo 2, 3 e 5 usando gli ultrasuoni. Il numero di follicoli antrali varia di mese in mese e viene usato per determinare la riserva ovarica.

Follicolo di Graaf: In un ciclo naturale, ogni mese un solo follicolo giunge a maturazione (follicolo dominante o di Graaf). Vedi anche Follicolo.

Follicolo residuo:  Rimanenze di follicoli (post pick-up) nell’ovaia, a seguito di un ciclo di stimolazione. Se superiore ai 3 cm viene definita ciste residue.

Follicolo vuoto: Sindrome del follicolo vuoto, situazione in cui non vengono trovati ovociti nel liquido follicolare aspirato tramite una procedura di inseminazione artificiale. Le cause sono incerte.

Frammentazione: Definita come la quantità di frammenti che presenta l’embrione nei giorni successivi alla fecondazione in vitro. E’ indice della qualità dell’embrione stesso: un livello di frammentazione inferiore al 10% indica un embrione di ottima qualità (insieme al numero di blastomeri corretto – Vedi Blastomeri).

FSH: L’Ormone follico-stimolante controlla la maturazione del follicolo. E’ uno dei parametri più rilevanti nella valutazione della fertilità femminile. Livelli alti sono associati a deficit ovocitari, mentre livelli superiori a 30 mIU/ml indicano la menopausa.

Gamete: E’ la cellula riproduttiva maschile o femminile, cioè lo spermatozoo o l’ovocita.

 

Gamete: E’ la cellula riproduttiva maschile o femminile, cioè lo spermatozoo o l’ovocita. Per donazione di gameti si intende la donazione di ovuli (ovodonazione) o di sperma.

GIFT: Il Trasferimento intratubarico di gameti (Gametes Intra Fallopian Transfer). Spermatozoi e ovociti vengono trasferiti con l’obiettivo di ottenere la fecondazione nel punto in cui avviene naturalmente, ovvero nelle tube. Il trasferimento dei gameti è per via laparoscopica o transvaginale.

Gonadotropina o hCG: E’ un ormone prodotto dall’embrione a partire dalla seconda settimana di sviluppo. Il valore rilevato sale al proseguire della gravidanza e viene utilizzato come parametro di crescita regolare della gravidanza. Viene utilizzato come marker primario, per i test di gravidanza (sia urine che sangue).

Gravidanza anembrionica: Definita anche “uovo chiaro”, è la situazione in cui l’ovulo fecondato si annida nell’utero ma non si sviluppa l’embrione, è di fatto quindi un aborto.

Gravidanza biochimica: Aborto spontaneo che avviene tra il test positivo di gravidanza e la comparsa delle mestruazioni (normalmente entro la 5 settimana). Viene definita così perchè il risultato positivo del test biochimico, che rileva l’ormone beta-HCG circolante, è positivo ma l’embrione non è già più presente.

Gravidanza ectopica: Definita anche extrauterina, poiché l’impianto dell’ovulo fecondato avviene in sedi diverse dalla cavità uterina (tube, ovaie, addome). Il riconoscimento e il trattamento precoce di questa condizione può aiutare a preservare la possibilità di future gravidanze.

Gravidanza intrauterina: Gravidanza che si sviluppa normalmente (l’embrione si annida nell’utero).

HCG: Vedi Beta hCG.

ICFM: Induzione della Crescita Follicolare Multipla (o stimolazione), terapia ormonale che aiuta la donna a produrre più di un solo follicolo per ciclo, al fine di aumentare le probabilità di concepimento. 

ICSI: Iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi, utilizzata in caso di infertilità grave, soprattutto maschile. Tecnica di II livello in cui il concepimento avviene in laboratorio, tramite l’iniezione di uno spermatozoo selezionato, all’interno di un ovulo.

Impianto: Vedo Annidamento.

Infertilità idiopatica: Infertilità per cause sconosciute (sine causa). Viene così definita dopo un anno di tentativi in assenza di alterazioni femminili o maschili, valutate dagli specialisti. Circa il 10% dei casi di infertilità rientra nella definizione di infertilità idiopatica.

Inositolo: Anche noto come vitamina B, è un nutriente che si trova in alcuni alimenti ma viene prodotto anche naturalmente dal nostro corpo. Se soffri di PCOS e vorresti rimanere incinta, l’integrazione potrebbe essere consigliata.

Iperstimolazione ovarica: Sindrome di varia gravità che può verificarsi durante le tecniche di procreazione assistita (stimolazione ovarica) usate per farti rimanere incinta. E’ una risposta eccessiva  agli ormoni iniettati (hCG) per stimolare la maturazione di follicoli multipli.

Ipomenorrea: Mestruazioni scarse e spesso di breve durata.

Isterosalpingografia: Radiografia (non invasiva) che permette di valutare l’apertura delle tube di Falloppio e la forma dell’utero.

Pick up: Prelievo ovocitario, o pick-up, è l’aspirazione tramite un sottile ago del liquido follicolare

IUI: L’inseminazione intrauterina è una tecnica di I livello, nella quale il concepimento avviene (con ciclo o spontaneo o stimolazione) trasferendo nelle tube di falloppio il liquido seminale preventivamente trattato. Il concepimento avviene naturalmente.

LH: Ormone Luteinizzante, esame del sangue spesso richiesto per il partner femminile che per quello maschile. Per le donne è associato all’ovulazione (il livello di lh è massimo prima del rilascio dell’ovocita) e un LH alto può essere sintomo di insufficienza ovarica, basso di PCOS. Negli uomini il valore è legato alla produzione di testosterone e un’elevata concentrazione può indicare insufficienza testicolare primaria

Menopausa: Condizione fisiologica della donna che definisce la fine dell’età fertile (e quindi delle mestruazioni).

MESA: Intervento micro-chirurgico di estrazione testicolare dello sperma. E’ una delle tecniche di recupero degli spermatozoi in caso di infertilità maschile.

Mola vescicolare. Anomalia grave della fecondazione a livello cromosomico, che si risolve nella quasi totalità dei casi in un’interruzione di gravidanza.

Monitoraggio: Esame ecografico che viene effettuato durante la stimolazione ovarica per controllare la crescita di follicoli ed endometrio (solitamente ogni 2-3 giorni).

Morula: fase iniziale di sviluppo dell’embrione. Le cellule si compattano tra di loro, per massimizzare i contatti tra una cellula e le circostanti. L’embrione tende ad assumere la forma di una mora e viene perciò chiamato morula. E’ la fase antecedente alla blastocisti.

MSI: Iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo morfologicamente selezionato  (intracytoplasmic morphologically selected sperm injection,) consiste nell’iniezione di spermatozoi morfologicamente selezionati: differentemente dalla ICSI la selezione degli spermatozoi si realizza con 8 deficit ovocitari.000 aumenti, il che permette di identificare particolari alterazioni morfologiche dello spermatozoo.

Nidazione: Vedi Annidamento.

OHSS: Ovarian hyperstimulation syndrome Vedi Iperstimolazione Ovarica.

Oligospermia: Situazione anomala dell’eiaculato, in cui la concentrazione degli spermatozoi è inferiore a 15 milioni per millilitro di sperma (< 15 milioni /ml).

Omologa: Nella fecondazione omologa, sia l’ovocita che gli spermatozoi, sono della coppia di futuri genitori.

Ovaio multifollicolare: anche detto ovaio multicistico poichè caratterizzato dalla presenza di cisti (circa 5-10 sparse per ovaio) fino a 10mm di dimensioni. Normalmente non preclude il concepimento e può essere asintomatico. Non è sinonimo di Ovaio Policistico, dal quale si differenzia per numero e grandezza di cisti e soprattutto per le implicazioni legate alla fertilità.

Ovaio pigro: Ovaio (o ovaie) che non funziona correttamente e non ha quindi un processo di ovulazione regolare e può dare corso a ciclo anovulatori. Spesso è associato ad un ciclo irregolare.

Ovaio policistico: E’ una sindrome che interessa il 5-10% delle donne ed è una delle più comuni cause di sterilità.  È caratterizzata dall’ingrossamento delle ovaie (per la presenza di cisti ovariche multiple) e da alterazioni endocrinologiche e metaboliche. Comporta spesso un ciclo irregolare, peluria atipica, acne e sovrappeso. 

Ovocita: Sinonimo di ovulo. E’ il gamete femminile prodotto dal sistema di riproduzione femminile. In un ciclo normale, ogni mese viene rilasciato un solo ovulo nella tuba di Falloppio.

Ovodonazione: Utilizzo, nell’inseminazione artificiale, di ovociti di una donna esterna alla coppia (donatrice). 

Ovulazione: Momento in cui il follicolo si rompe rilasciando l’ovocita, che esce dall’ovaia. In un ciclo di 28 giorni avviene intorno al 14esimo giorno e circa 24-36 ore dopo il picco di estrogeni e LH.

Ovulo: vedi Ovocita.

PESA: L’aspirazione percutanea degli spermatozoi epididimali è procedura di aspirazione, tramite ago, degli spermatozoi presenti nell’epididimo (dotti presenti nel testicolo). E’ una delle tecniche di recupero degli spermatozoi in caso di infertilità maschile.

PCOS: Vedi Ovaio Policistico.

PGD: Vedi PGT-M e PGT-SR.

PGS: lo screening genetico preimpianto (preimplantation genetic screening) non si focalizza su una malattia genetica specifica, di cui i genitori o un genitore sono portatori), ma individua gli embrioni portatori di difetti genetici originati de novo. Si realizza uno screening cromosomico completo con l’obiettivo di prevenire aborti multipli e impedire la nascita di un bambino affetto da una delle tipologie più frequenti di disfunzioni, come la sindrome di Down. Nella nuova nomenclatura internazionale la PGS viene ridefinita PGT-A, diagnosi genetica preimpianto per aneuploidie (anomalie del numero di cromosomi). 

PGT:  Test genetici preimpianto (preimplantation genetic testing),  è un insieme di tecniche, che permettono di rilevare alterazioni cromosomiche o genetiche prima dell’impianto in utero dell’embrione. Tutte le tecniche prevedono una biopsia dell’embrione in quinta giornata. Le PGT si dividono in: PGT-A, PGT-M e PGT-SR.

PGT-A: Vedi PGS.

PGT-M:  Diagnosi genetica preimpianto per malattie monogeniche, cioè di un solo gene (Preimplantation Genetic Testing for monogenic diseases). Destinata alle coppie affette da gravi malattie ereditarie, come l’anemia falciforme, con l’obiettivo di impedire il trasferimento di embrioni malati. Conosciuta con l’acronimo PGD.

PGT-SR: test genetico preimpianto per anomalie cromosomiche e strutturali (ex-PGD), in particolare cambiamenti rispetto alle dimensioni normali o alla disposizione dei cromosomi. 

PMA: Procreazione medicalmente assistita (o procreazione artificiale), l’insieme di tutte le tecniche mediche che aiutano una coppia a concepire un figlio, siano esse chirurgiche, ormonali o farmacologiche.

Picco ovulatorio: Momento prima dell’ovulazione in cui estrogeni e LH hanno un picco nei valori. Vedi anche Ovulazione.

Pick up: Prelievo ovocitario, o pick-up, è l’aspirazione tramite un sottile ago del liquido follicolare (e degli ovociti contenuti). Viene normalmente fatto in sedazione profonda e dura pochi minuti.

PO: Vedi Pick-up.

Polimenorrea: cicli mestruali più ravvicinati del normale (standard 25-31 giorni).

Procreazione assistita: Vedi PMA.

Ovocita: Sinonimo di ovulo. E’ il gamete femminile prodotto dal sistema di riproduzione femminile. In un ciclo normale, ogni mese viene rilasciato un solo ovulo nella tuba di Falloppio.

Ovodonazione: Utilizzo, nell’inseminazione artificiale, di ovociti di una donna esterna alla coppia (donatrice). 

Ovulazione: Momento in cui il follicolo si rompe rilasciando l’ovocita, che esce dall’ovaia. In un ciclo di 28 giorni avviene intorno al 14esimo giorno e circa 24-36 ore dopo il picco di estrogeni e LH.

Ovulo: vedi Ovocita.

PESA: L’aspirazione percutanea degli spermatozoi epididimali è procedura di aspirazione, tramite ago, degli spermatozoi presenti nell’epididimo (dotti presenti nel testicolo). E’ una delle tecniche di recupero degli spermatozoi in caso di infertilità maschile.

PCOS: Vedi Ovaio Policistico.

PGD: Vedi PGT-M e PGT-SR.

PGS: lo screening genetico preimpianto (preimplantation genetic screening) non si focalizza su una malattia genetica specifica, di cui i genitori o un genitore sono portatori), ma individua gli embrioni portatori di difetti genetici originati de novo. Si realizza uno screening cromosomico completo con l’obiettivo di prevenire aborti multipli e impedire la nascita di un bambino affetto da una delle tipologie più frequenti di disfunzioni, come la sindrome di Down. Nella nuova nomenclatura internazionale la PGS viene ridefinita PGT-A, diagnosi genetica preimpianto per aneuploidie (anomalie del numero di cromosomi). 

PGT:  Test genetici preimpianto (preimplantation genetic testing),  è un insieme di tecniche, che permettono di rilevare alterazioni cromosomiche o genetiche prima dell’impianto in utero dell’embrione. Tutte le tecniche prevedono una biopsia dell’embrione in quinta giornata. Le PGT si dividono in: PGT-A, PGT-M e PGT-SR.

PGT-A: Vedi PGS.

PGT-M:  Diagnosi genetica preimpianto per malattie monogeniche, cioè di un solo gene (Preimplantation Genetic Testing for monogenic diseases). Destinata alle coppie affette da gravi malattie ereditarie, come l’anemia falciforme, con l’obiettivo di impedire il trasferimento di embrioni malati. Conosciuta con l’acronimo PGD.

PGT-SR: test genetico preimpianto per anomalie cromosomiche e strutturali (ex-PGD), in particolare cambiamenti rispetto alle dimensioni normali o alla disposizione dei cromosomi. 

PMA: Procreazione medicalmente assistita (o procreazione artificiale), l’insieme di tutte le tecniche mediche che aiutano una coppia a concepire un figlio, siano esse chirurgiche, ormonali o farmacologiche.

Picco ovulatorio: Momento prima dell’ovulazione in cui estrogeni e LH hanno un picco nei valori. Vedi anche Ovulazione.

Pick up: Prelievo ovocitario, o pick-up, è l’aspirazione tramite un sottile ago del liquido follicolare (e degli ovociti contenuti). Viene normalmente fatto in sedazione profonda e dura pochi minuti.

PO: Vedi Pick-up.

Polimenorrea: cicli mestruali più ravvicinati del normale (standard 25-31 giorni).

Procreazione assistita: Vedi PMA.

TESA: Aspirazione percutanea, tramite ago, degli spermatozi testicolari. E’ una delle tecniche di recupero degli spermatozoi in caso di infertilità maschile.

TESE: Estrazione testicolare degli spermatozoi e consiste nell’estrazione degli spermatozoi dal testicolo, in casi di infertilità maschile. E’ una biopsia del tessuto testicolare, procedura che consente di recuperare spermatozoi da un piccolo frammento di tessuto.

Transfer: Durante una procedura di fecondazione assistita (ICSI o FIVET) è il momento in cui avviene il trasferimento degli embrioni nell’utero. Il trasferimento viene effettuato senza anestesia (indolore) in sala operatoria e dura pochi minuti. Dopo il transfer si rimane sdraiate per circa 1-2 ore per poi tornare alla vita normale.

Trigger: Iniezione a base di HCG, utilizzata durante una procedura di procreazione assistita, che innesca l’ovulazione permettendo quindi che i follicoli rilascino gli ovociti. Viene effettuata 36 ore prima del pick up ovocitario.

Trofoblasto: Strato di cellule che circondano l’embrione.

TSH: L’Ormone Tireo-stimolante (TSH) stimola la produzione dei due ormoni tiroidei, T4 e T3, e viene normalmente testato per valutare la funzionalità della tiroide. Un TSH alto, oltre i 2,5  deve essere ulteriormente indagato (ipotiroidismo). Ai fini della gravidanza un TSH basso non comporta problematiche (ipertiroidismo).

TTC: in inglese Try To Conceive, letteralmente Provare a concepire. Usato negli hashtag sui social media.

Tube chiuse: Situazione patologica in cui le tube di Falloppio risultano chiuse, non permettendo l’incontro tra ovulo e spermatozoi.Nel caso in cui entrambe le tube fossero chiuse è necessario fare ricorso all’inseminazione artificiale per ricercare una gravidanza.

Varicocele: Dilatazione anomala delle vene all’interno dello scroto, spesso asintomatica può dare origine a rigonfiamenti testicolari . E’ una delle primarie cause di infertilità maschile, se non trattato per tempo, ed è diffuso nel 15% della popolazione maschile.

Vasectomia: Intervento chirurgico che, attraverso un taglio dei dotti deferenti, impedisce agli spermatozoi di unirsi al liquidi seminale, rendendo di fatto sterile l’uomo. 

Vitrificazione: Particolare tecnica di congelamento degli ovociti in azoto liquido, che ne comporta una migliore preservazione rispetto alle tecniche classiche. 

Zigote:  la prima cellula che si crea dopo l’avvenuta fecondazione dell’ovocita. Contiene l’informazione genetica completa di spermatozoo e ovocita.

0 commenti
Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

Continua a leggere

AlimentazioneSalute
agnocasto e fertilità
Agnocasto e fertilità femminile
Agnocasto e fertilità femminile

Si tratta di un arbusto appartenente alla famiglia delle Verbenacee, il cui utilizzo in campo medico risale a epoche lontane e, al giorno d’oggi, gli è stato riconosciuto scientificamente un valore come fitoterapico, in virtù soprattutto della sua azione simil-progestinica: ha cioè un'attività simile a quella del progesterone, favorendo quindi le condizioni di inizio e di mantenimento della gravidanza.

Naturale
Calcolo giorni fertili
Calcolo giorni fertili: 6 cose utili da sapere
Calcolo giorni fertili: 6 cose utili da sapere

Situazione ideale? Diciamocela tutta: rapporto passionale con il tuo lui, voglia di far l'amore tutti i giorni, a tutte le ore, entrambi in condizioni ottimali di fertilità. Se avete tutto questo, calcolare i giorni fertili per restare incinta probabilmente non vi serve. Nella vita reale però ci sono una quantità di situazioni che possono complicare le cose.
Vediamo allora come è meglio procedere. Ecco qui 6 cose utili da sapere.

NaturaleSalute
non riesco a rimanere incinta
Perchè non riesco a rimanere incinta?
Perchè non riesco a rimanere incinta?

Se stai provando da tempo ad avere un figlio, hai sicuramente già iniziato a cercare risposte alla domanda: perché non riesco a rimanere incinta? Puo' darsi che di risposte tu ne abbia trovate fin troppe, visto che i casi di infertilità femminile sono sempre più frequenti e se ne parla e se ne scrive sempre di più. La lista di possibili motivazioni è lunga e comprende cause e disturbi anche molto diversi fra loro.

SaluteStili di vita
interferenti endocrini
Cosa sono gli interferenti endocrini e come influenzano la tua fertilità
Cosa sono gli interferenti endocrini e come influenzano la tua fertilità

Molti dei prodotti che usiamo quotidianamente, per le pulizia domestiche o per la cura della persona, contengono sostanze chimiche dannose chiamati interferenti endocrini. Queste sostanze chimiche infatti imitano e antagonizzano i nostri ormoni sessuali e possono causare irregolarità nel ciclo mestruale come amenorrea, menorragia, endometriosi o PCOS.

Bloom Sagl

Ra Curta 1 - 6900 Lugano - Svizzera

Le informazioni su The Bloom Fertility sono fornite a solo scopo didattico e non intendono trattare, diagnosticare o prevenire alcuna malattia. Le informazioni sugli stili di vita contenute in questo sito non intendono sostituire una relazione individuale con un professionista sanitario qualificato e non sono intese come consulenza medica. Ti invitiamo a prendere le tue decisioni mediche in base alle tue ricerca e in collaborazione con un professionista medico qualificato.